Andrea Schipani di Sfera Cubica ci parla di un evento TUTTO MOLTO BELLO

Il cielo è nuvoloso su Bologna quando ci incontriamo con Andrea Schipani dentro un confortevole studio dove hanno sede più realtà diverse, tra le altre la IRMA Records, storica etichetta Bolognese, l’agenzia di booking Modernista e  l’ufficio stampa Sfera Cubica. È in rappresentanza di quest’ultima che Andrea ci parla, di fronte ad un buon caffè, di un evento unico in Italia:

ANDREA SCHIPANI: TUTTO MOLTO BELLO non è altro che un torneo di calcetto dedicato a etichette discografiche e tutti gli operatori del settore musicale. È un evento nato per gioco nel 2011 con sole 8 squadre all’interno del MEI (Meeting delle Etichette Indipendenti ndr.) di Faenza. Di anno in anno è cresciuto sia in adesioni dai partecipanti che da parte del pubblico, diventando sempre di più un vero e proprio appuntamento annuale nel settore musicale. Quest’anno vedremo giocare, il 15, 16 e 17 settembre, la settima edizione al parco del dopolavoro ferroviario a Bologna con ben 32 squadre. Verranno etichette ed operatori da tutt’Italia: da Bologna, Roma, Napoli, Milano, Treviso, dalla Toscana, e anche una squadra estera ovvero gli organizzatori del Primavera Sound Festival di Barcellona, che ormai da quattro anni a questa parte non mancano a un’edizione. Si può dire che in quel week-end, a Bologna, si riunisce quasi tutta la filiera del mercato musicale indipendente italiano.

RADIO FLYWEB: Quanto è difficile organizzare un evento come TMB?

AS: In realtà non è semplice, anzi è un po’ un delirio. TMB è un evento che ha avuto al suo centro sempre la goliardia, infatti in quei tre giorni di evento si respira un’atmosfera unica, di svacco totale, in cui gli operatori del settore si incontrano, tra una partita e l’altra, riuscendo anche a fare business. Questo era l’obiettivo non voluto che avremo piacere a mantenere anche negli eventi futuri. Mantenere l’atmosfera goliardica che si vive durante TMB, ci porta a vivere anche l’organizzazione allo stesso modo. Siamo tre realtà (Sfera Cubica, Modernista e il Locomotiv Club ndr.) che durante l’anno fanno cose diverse e sono immerse nei loro affari, ma che si ritrovano due mesi prima (e questa è la nostra pecca) ad organizzare questo evento. Ma la voglia e il fatto che crediamo così tanto in un evento come questo, ci permette di tirar su TMB sì in due mesi, ma di trovare anche le soluzioni giuste.

RFW: TMB quest’anno si chiama Zemanlandia

AS: Si perché come da tradizione, ogni anno, TMB è dedicato ad un personaggio pulito del mondo del calcio. Negli anni passati abbiamo dedicato l’edizione degli anni passati a Vujadin Boškov, a Giacomo Bulgarelli, a Bruno Pizzul (dal quale per altro deriva il nome di questa manifestazione) e quest’anno è toccato a Zdenek Zeman, un personaggio del mondo del calcio davvero eccezionale che ha un modo di vedere il calcio un po’ retrò, come piace a noi, e proprio per questo il parco del dopolavoro ferroviario si trasformerà in Zemanlandia, in onore di quel mitico Foggia che incantò tutt’Italia e che arrivò addirittura al nono posto da matricola di Serie B.

RFW: Come e quanto venite aiutati dalle istituzioni per allestire una realtà come TMB?

AS: Nello specifico il comune di Bologna ci ha accompagnato soprattutto nel percorso iniziale, quindi dalla seconda edizione alla quinta, ovvero fin da quando ci siamo trasferiti al dopolavoro ferroviario di Bologna. Fin quando esisteva un bando di concorso, ovvero il bando “Bologna Estate”, riuscivamo ad avere un minimo supporto dal comune. Sono due anni che l’amministrazione comunale ci ignora e non abbiamo sostegni da loro. Chi dal punto di vista istituzionale ci ha accolto è, oltre al patrocinio del Quartiere Navile, la regione Emilia Romagna che, tramite un accordo stipulato dopo aver vinto un bando di concorso su base triennale, ci ha permesso di prendere l’Arena Puccini e di innalzare il livello del cast artistico dell’evento.

RFW: Livello artistico molto alto giustificato da nomi nazionali e internazionali come Iosonouncane e Coez

AS: TMB nasce soprattutto con l’intento di unire le due passioni più nazional popolari dell’Italiano medio, che sono appunto il calcio e la musica. Per quanto riguarda la musica, avremo sempre dell’intrattenimento durante tutto l’evento, sia al Locomotiv Club che all’Arena Puccini. Venerdì sera ci sarà un concerto molto speciale di Iosonouncane che ci onorerà di un concerto unico e senza repliche, sarà un concerto del suo ultimo tour “Mandria”, arricchito da una sezione fiati.

Jacopo Incani, in arte Iosonouncance

La stessa sera avremo il concerto di mezzanotte dei Junkfood; sabato 16 si partirà con l’intrattenimento musicale già dal pomeriggio coi Sex Pizzul e gli Halfalib per poi passare all’Arena Puccini con un terzetto di tutto rispetto costituito da Colombre, Giorgio Poi e Le altre di B, gruppo Bolognese già molto affermato in città. Il concerto di mezzanotte vedrà protagonisti di Omosumo, una band siciliana costituita da Roberto Cammarata, Angelo Sicurella e Antonio Dimartino, all’interno del Locomotiv;

Silvano Albanese, in arte Coez

domenica 17 vedrà protagonista Coez, che concluderà il suo fortunato tour estivo proprio con noi e verrà anticipato il pomeriggio nel Locomotiv con i Nuju, Le capre a sonagli e Tobja dei C+C Maxigross.

RFW: Una ricca rappresentanza musicale per un’altrettanta ricca, si spera, rappresentanza di pubblico

AS: Certo, è quello che vogliamo più di tutto. La prima edizione a Faenza ci vedeva in una realtà come il MEI, che già aveva la sua folta rappresentanza di pubblico, adesso invece siamo a Bologna e attiriamo quattromila o cinquemila spettatori. Quest’anno ne aspetteremo altrettanti, se non di più, anche perché TMB è davvero un evento unico in Italia: osservare dei professionisti della musica fingere di diventare professionisti del calcio senza riuscirci è uno spettacolo molto divertente. A far da contorno alle partite ci sarà una ricca animazione fatta dal giornalista Francesco Locane, ma soprattutto ci tengo a specificare che la quasi totalità degli eventi che si svolgono attorno a TMB, fatta eccezione per i concerti di Iosonouncane  e Coez, sono gratuiti.

Conclusa la chiacchierata, Andrea ci invita alle serate che si svolgeranno all’Arena Puccini con protagonisti Iosonouncane e Coez, di cui fra non molto parleremo insieme. Ci salutiamo sempre sotto una Bologna piena di nuvole, ma con il sole di TUTTO MOLTO BELLO che si vede all’orizzonte.

 

Giacomo Tuoto