“UNA FAVOLA NERA” il nuovo videoclip de Il Barone Lamberto

Esce “Una Favola Nera” il nuovo videoclip del cantautore/rapper Il Barone Lamberto per la
regia di Peter Marvu.
Il Barone Lamberto é un progetto musicale di Kheyre Yusuf Abukar Issak, cantautore
italo/somalo di Modena che è stato pianista per CISCO (ex Modena City Ramblers) e ha
vinto diversi premi e riconoscimenti con progetti originali come Rashomon, Walamaghe e
Musicanti di Brema. Inoltre è stato semifinalista a Musicultura 2011 con la band
Rashomon.
Il Barone Lamberto è una proposta che affonda le mani in un cantautorato talvolta acido alla
Tom Waits ma anche romantico come quello di Vinicio Capossela.
Fonde Folk e Rap per dare vita a una miscela unica.
Ad aprile 2018 esce il video del primo brano “Giostrai” che ottiene molti consensi sia in
termini di critica che di pubblico. Segue un’intensa attività live che lo porta ad aprire i
concerti di artisti importanti nella scena Rap come Speaker Cenzou, Willie Peyote e
Ghemon.
Il nuovo singolo anticipa l’uscita dell’EP “La Fottuta Morale” che uscirà tra fine luglio e la
metà di agosto su tutti i digital store (seguirà comunicato stampa).
Nel video di “Una Favola Nera” seguiamo le avventure di una scalcagnata gang di altrettanto
improbabili personaggi delle fiabe. Nell’introduzione un bambino sta guardando il videoclip di
“Giostrai” (il precedente video del Barone) quando viene interrotto dal padre che gli strappa il
telefono di mano e lo costringe a sedersi e sorbirsi la lettura di una fiaba. Comincia il vero e
proprio clip e facciamo conoscenza con Cappuccetto Rosso, Peter Pan, Pinocchio, Capitan
Uncino, il Lupo e la Fata Turchina tutti interpretati da personaggi maschili il che rende
l’atmosfera comica e surreale.
Quello che vediamo è fondamentalmente un clip show, uno spaccato dei guai che questa
banda combina in città: risse, pestaggi, giri in auto (una Cadillac azzurra), balordaggini e
amenità varie. Tra svariate citazioni di celebri pellicole come “Arancia Meccanica” e “Le
Iene” il tutto viene condito da un playback incalzante e da un sapiente uso della macchina
da presa (Peter Marvu di nuovo alla regia e al montaggio).
Le immagini riassumono molto bene il messaggio che il testo della canzone vuole mandare:
le favole che iniziavano con il più classico degli incipit “c’era una volta” sono ormai storia
vecchia e la morale è cambiata o forse non è più così necessaria