LES FLEURS DES MALADIVES

Il video, del regista Andrea De Taddeo, sarà presentato in anteprima assoluta venerdì 2 febbraio al Bloom di Mezzago – MB (Via Curiel, 39 – ingresso 7 euro), storico locale che da decenni ospita le realtà alternative musicali più interessanti in ambito internazionale, dove i Les Fleurs Des Maladives insieme  ai Gambardellas saranno protagonisti di un esclusivo concerto per un doppio shocase. Media partnership della serata l’e-magazine Rockgarage.it, testata on line che intende entrare in profondità nel mondo del Rock, offrendo news sempre aggiornate, recensioni e informazioni musicali in maniera trasversale.

LES FLEURS DES MALADIVES sono Davide (voce e chitarra), Ugo (basso) e Alberto (batteria), un furioso trio che cerca di defibrillare la salma del rock italico a colpi di riff esplosivi e liriche taglienti. Una cruda vena cantautorale reinterpreta lo spirito Rock’n’Roll puntando tutto sui testi e sulla bellezza cinica della verità. Per i FLEURS “fare musica in Italia oggi” significa salire sul palcoscenico e trasformarsi in scimmie spaziali pronte per il lancio. Dopo una demo capace di strappare un bel commento di Mauro Pagani, nel 2007 la band pubblica “Antinomìe EP” (autoproduzione). Nel 2009 Nada canta “Novembre”, una canzone dell’EP, e la include nel suo album “Nada live Stazione Birra” (Rai Trade). A novembre 2013 la band pubblica l’album di debutto “MEDIOEVO!” (Zeta Factory / Master Music). “Medioevo”, title-track e primo singolo estratto, diventa video RockTV Pass su RockTV. Nel 2014 il brano “Dharamsala” è premiato da Amnesty International per l’impegno nei diritti umani. A fine 2014 esce “Amoxicillina”, secondo singolo del disco, con un videoclip in esclusiva per Rockerilla. Nel 2014 con Medioevo e nel 2016 con Amoxicillina, sono una delle band finaliste di 1MFestival, il contest del Concerto del Primo Maggio di Roma. “Medioevo” ottiene ottime recensioni: da Il Fatto Quotidiano a RockIt, passando per Buscadero e Internazionale, i media parlano di “fresco rock d’autore”, di “grunge-stoner anni ’90 dai riff decisi e aggressivi”, di “testi che evocano la perizia del miglior Agnelli”, di “atmosfere energiche vicine ai Ministri”. Nel 2016 firmano per Ostile Records (già etichetta di Blastema e Casablanca) e Max Zanotti segue i lavori del secondo album in qualità di direttore artistico. A marzo 2017 pubblicano il singolo “Homo Sapiens” e relativo video dopo un’anteprima esclusiva per MTV NEW GENERATION, che li elegge artisti della settimana.  Il video, firmato dal regista Francesco Collinelli e liberamente ispirato a “2001 Odissea Nello Spazio” di Kubrick, è girato in 4K Ultra HD. Il disco “Il Rock è Morto” esce il 20 marzo 2017, per Ostile Recordse distribuito da Believe Digital. A seguire, escono i singoli e video “La Grande Truffa Dell’Indie Rock”, “Rock’n’Roll” e “Chernobyl”. L’album vede la partecipazione di Alteria, voce femminile nella reinterpretazione di “Le Tre Verità” di Lucio Battisti. Il nome del gruppo è liberamente ispirato alla dedica iniziale de I fiori del male di Baudelaire: “De la plus profonde humilité / Je dédie / Ces fleurs maladives.

Venditi l’anima in cambio di fama, la gloria lo sai è una grande puttana.
Il talento non esiste, è soltanto una scusa per le riviste.
Anche David Chapman l’aveva detto:
nessuno sparerà mai ai vincitori di X-Factor,
sono già morti e tu lo sai.