THE BLUEBEATERS Feat. COEZ

The Bluebeaters tornano con un nuovo singolo che anticipa l’uscita dell’atteso album “SHOCK”. S’intitola “Mamma Perdonami” ed è il manifesto del nuovo percorso intrapreso da una band che, a 25 anni dal primo concerto, ha cambiato vestito e ora è pronta a tornare sulle scene con un disco di inediti, cantato interamente in italiano.
Dopo Willie Peyote e CIMINI, COEZ è il terzo artista che si appresta a collaborare sul nuovo lavoro dei Bluebeaters, pronto a decollare grazie a Garrincha Dischi. Il risultato è un brano dal ritornello esplosivo in cui il cantautore/rapper campano duetta accanto al front-man Patrick “Pat Cosmo” Benifei su un testo di cui è co-autore.

In uscita il prossimo 6 marzo, “Mamma Perdonami” è una ghiotta anticipazione del viaggio tra i generi che scorre lungo la tracklist di un disco che non mancherà di sorprendere.
THE BLUEBEATERS

Il gruppo nasce nell’estate del 1993 dall’incontro tra Casino Royale, Africa Unite e i Fratelli di Soledad, con l’idea di formare una one night band che si sarebbe esibita una sola volta, all’Hiroshima Mon Amour di Torino il 18 marzo 1994. Nascono così i The Bluebeaters, come cover band di pezzi ska, rocksteady giamaicani e soul americani che prende il nome da Bluebeat, ovvero il primo ska prodotto dall’omonima etichetta discografica Blue Beat Records. Tra i numerosi brani si ricordano infatti Messico e nuvole di Paolo Conte, portata al successo da Enzo Jannacci, Che cosa c’è di Gino Paoli, Tutta mia la città degli Equipe 84, Wonderful Life cover di Black e Believe di Cher.

A fine 2012 Giuliano Palma sceglie la carriera solista dopo quattro album in studio e diciotto anni passati assieme ai The Bluebeaters. Il gruppo rinasce in soli nove mesi: accanto a Cato Senatore, De Angelo Parpaglione e Count Ferdi torna Pat Cosmo Benifei alla voce, assieme ad altri musicisti che hanno fatto parte della della grande famiglia cresciuta nei vent’anni passati.

Il 2013 e parte del 2014 sono dedicati alle date dal vivo e dopo un nuovo singolo, Toxic (cover di Britney Spears), nel 2015 esce per Record Kicks l’album Everybody Knows. Il suono torna alle radici della musica giamaicana che i The Bluebeaters ormai maneggiano con originalità e stile da ventitré anni. I brani sono ancora riarrangiamenti di brani in lingua inglese, con unica eccezione per La mia geisha di Luigi Tenco. Il palcoscenico è tenuto saldamente dall’incredibile voce di Pat Cosmo Benifei che per la prima volta è front-man del gruppo. Sono cinque i singoli usciti, anche su vinile, con Roll with It e Everybody Knows accompagnati dai video.

I progetti e le collaborazioni della band si moltiplicano: lavorano con Max Casacci (Subsonica), Bianco, Boom Da Bash, Lo Stato Sociale e Diego Mancino (Caparezza). Partecipano anche all’album benefit Garrincha Loves Chiapas.

Nel 2017 dopo più di 100 concerti nell’ultimo anno e mezzo e dopo diversi concerti all’estero ed un tour in Messico, la band ritorna in studio per il nuovo album che per la prima volta conterrà solo brani originali nati da nuove collaborazioni con giovani artisti e autori vicini alla band. Il 21 settembre dello stesso anno, Garrincha Dischi (Lo Stato Sociale, Ex Otago, Punkreas ed altri) pubbica il primo singolo che segna l’inizio di questo nuovo percorso: Tempo.

A febbraio 2018 i The Bluebeaters sono stati la band resident alla trasmissione televisiva “Dopo Festival” dal Teatro del Casinò di Sanremo. Proprio durante il festival di Sanremo sono usciti due nuovi singoli: Valentina e Un inverno stupendo, nuove prove del nuovo processo di scrittura che diventerà ancora più evidente nel 2019 con l’uscita di Ancora Un Giorno feat. Willy Peyote (colonna sonora dell’omonimo film di Raúl de la Fuente e Damian Nenow) e A Metà feat. Cimini, singoli che scaldano il motore in vista dell’uscita del nuovo album Shock prevista per la primavera 2020 con Garrincha Dischi.