Site icon Radio Flyweb

AFTERALLOGY Il nuovo album di NOA

Dopo 30 anni di esperienza artistica insieme, tra palco, studi e viaggi, Noa e il suo chitarrista Gil Dor, hanno capito di non aver più bisogno di parlare di accordi, ma solo di lasciarsi penetrare dalla musica che arriva. In un luogo mentale e sensoriale che non può essere descritto, ma solo sentito, è arrivata cosi l’ispirazione spontanea e la voglia di mettersi alla prova con un nuovo album, il primo totalmente jazz e realizzato in proprio durante il lockdown causato dalla pandemia. Nella sala di registrazione annessa alla propria abitazione, la cantante israeliana e il suo compagno e amico di una vita hanno cosi scelto dodici brani di cui sentivano il bisogno interpretativo e, senza pianificare molto, complice la perfetta intesa professionale, hanno dato luce ad “Afterallogy“, la loro produzione più intimista, in uscita il 30 aprile.

Un regalo per chi ama la Vita, la Musica e l’Amicizia che suggella un sodalizio artistico unico, come ama ricordare la stessa Noa: “Negli ultimi 30 anni Gil e io abbiamo condotto un dialogo continuo. L’argomento discusso è essenzialmente lo stesso: “cosa? e perché?”. Considerando che a “cosa” è relativamente facile rispondere: facciamo semplicemente ciò che possiamo, ciò che amiamo, sappiamo o sperimentiamo, ciò in cui siamo bravi e a cui sentiamo di poter contribuire, mentre impariamo costantemente cose nuove, è il “perché” che stimola la discussione. O meglio, è il “perché” il responsabile di tutto ciò che creiamo. Le risposte vengono distillate man mano che la conversazione va avanti. Forse è l’espressione profondamente risonante attraverso la musicalità artigianale, di “cosa significa essere umani” che stiamo cercando. Forse è il ricordo di un’esperienza di bellezza della prima infanzia che ci perseguita. Un ricordo in cerca di una nuova nascita, dopo essersi reincarnato migliaia di volte attraverso l’arte di musicisti monumentali nel corso della storia … un’eredità di cui facciamo tesoro e rispetto, costringendoci sempre a spingerci verso l’eccellenza, in profondità e in alto, assicurandoci di non tradire mai la fiducia riposta nelle nostre mani dalle muse, il dio della musica e le persone che da 30 anni ci hanno aperto il loro cuore. In un modo o nell’altro, questo dialogo è, come dice il nostro mentore e amico Pat Metheny: la nostra “Cosa”, e siamo così fortunati ad averlo. Così, gli abbiamo dato un nome: “Afterallogy”. Dopotutto è stato detto e fatto, dopo 30 anni, dopo una pandemia che ha sconvolto, scosso e spogliato il mondo, dopo migliaia di chilometri percorsi e molte altre migliaia di note suonate e cantate, cosa resta? Un profondo amore e rispetto per la grande musica e la grandezza della musica, un profondo amore per l’umanità che da essa prende vita ed è elevata e illuminata in chi la sperimenta. Un profondo apprezzamento per il dono dell’amicizia … l’uno per l’altro … per “qualcuno con cui correre” come scrive David Grossman, per il potere e la risonanza che ci hanno uniti e tenuti insieme in tutti questi anni. E quella curiosità e passione, quella ricerca meticolosa per svelare i misteri più profondi della musica che ci spinge sempre avanti…”.

“Afterallogy” verrà presentata in un concerto live, direttamente dal Terminal 4 di Tel Aviv, visionabile in diretta streaming sui canali ufficiali FB e YouTube di Noa, in versione gratuita, il primo maggio alle ore 20,30 italiane. Un evento in collaborazione col Blue Note di New York.

Sono già state fissate anche le prime date del suo tour estivo in Italia:

26 luglio             PADOVA   – Castello Ferrarese

27  luglio            GRADO      Arena delle Rose

29  luglio            PAVIA          Castello Visconteo

31  luglio            POMIGLIANO JAZZ FESTIVAL

1  agosto            NOTO – CHIOSTRO DEI GESUITI

3   agosto           ORISTANO – Piazza della Cattedrale

5   agosto           RAVENNA – Parco del Museo Classis

6   agosto           MASSA D’ALBE ( AQ ) – Anfiteatro Alba Fucens

8   agosto           ISEO – Parco delle Rimembranze

NOA RACCONTA…

Io e Gil ci siamo conosciuti nell’ottobre 1989, alla Rimon School of Jazz and Contemporary Music di Ramat HaSharon, in Israele.

Ero una studentessa appena uscita dall’esercito. Gil era il direttore accademico, un co-fondatore e venerato insegnante. Era anche considerato uno dei migliori musicisti israeliani, in grado di suonare tutto tranne che il jazz.

Fin dal primo giorno a scuola, venendo dagli Stati Uniti e avendo familiarità con il repertorio jazz / Broadway standard, sono stata immediatamente etichettata come “cantante jazz”, anche se non mi sono mai considerata tale. Fin da giovane, ragazza israeliana yemenita del Bronx, ho preferito evitare ogni etichettatura e ho sempre trovato angosciante che le persone trovino così difficile relazionarsi con qualcosa che non possono chiaramente catalogare. In questo senso, non sono cambiata neanche un po’.

Ma, ovviamente, essendo cresciuta a New York parlavo correntemente l’inglese ed ero immersa in tutta la straordinaria cultura che la grande città aveva da offrire. L'”American Songbook” degli standard jazz era una mia radice musicale essenziale e immergermi in essi era naturale per me quanto esplorare le mie radici ebraiche o yemenite. Il mio obiettivo era, allora come oggi, solo quello di “fare bene” con questi straordinari pezzi di musica … accentuando la loro grandezza con umiltà, da un punto di vista personale, rispettoso e amorevole.

Gil e io abbiamo suonato insieme il nostro primo concerto l’8 febbraio 1990, in un festival jazz a Tel Aviv che si è svolto nella Cinematèque di recente costruzione. Si chiamava “Jazz, Movies and Videotape” (un decollo dell’allora popolare film “Sesso, bugie e Videotape”). Rimon aveva avuto un posto nel festival e poiché l’anno accademico era appena iniziato, non c’erano gruppi abbastanza preparati per esibirsi. A Gil è stato chiesto di “mettere insieme qualcosa” e per questo scopo ha scelto quella ragazza yemenita scura, con gli occhi spalancati e un accento americano, di cui parlavano tutti a scuola.

Avevo 20 anni e questo è stato il mio primo vero concerto.

Il nostro spettacolo, per il quale abbiamo provato a fondo, consisteva in standard che avevamo arrangiato in modi unici, inclusa musica originale e testi che abbiamo intrecciato nelle canzoni, insieme ad alcune delle mie composizioni originali.

Il pubblico quella sera era estatico. Sembrava un’esplosione atomica di amore e ammirazione, meraviglia e gioia. Siamo rimasti sbalorditi. Michael Handelzalts, il venerato critico teatrale del quotidiano Ha’artez, che si è imbattuto nella nostra performance, ha scritto una delle recensioni più incredibili, positive (e decisamente insolite!) della sua carriera dopo quella notte scintillante. Sostiene di esserne orgoglioso fino ad oggi!

Dopo quella notte, Gil chiamò Pat Metheny a New York, che aveva incontrato alla Berklee School anni prima, quando era uno studente e Pat insegnava (all’età di 19 anni!). Poi più tardi a Rimon, quando Pat era in tournée in Israele, gli chiesi di incontrarmi (ero volata a casa per visitare i miei genitori che vivevano ancora nel Bronx) e di ascoltare le mie canzoni.

Pat ha finito per produrre un album per me e Gil che ha cambiato le nostre vite. Non era jazz, non so ancora cosa fosse (o sia) … ma qualcosa riguardo le canzoni, le melodie, le armonie e gli arrangiamenti, ha affascinato e impressionato uno dei più grandi musicisti jazz che siano mai vissuti, al punto che, ancora una volta in modo molto insolito, ha accettato di produrre un album per un duo di musicisti israeliani di cui nessuno aveva sentito parlare. Chiunque sappia qualcosa sull’industria musicale, sa che è a dir poco miracoloso.

Nel corso degli anni, Gil ed io abbiamo esplorato molte diversi territori della musica … abbiamo scritto ed eseguito centinaia di canzoni, andando sempre profondamente dentro e allo stesso tempo, andando verso l’esterno.

Abbiamo lavorato con ensemble che vanno dal trio acustico al quartetto di basso e batteria all’orchestra sinfonica, abbiamo esplorato e fuso diversi stili, suoni e linguaggi, raggiungendo sempre quel momento di magia inspiegabile e imprevedibile quando tutto si riunisce e le porte del paradiso si aprono, momenti per cui vive ogni musicista. È sempre stato impossibile classificarci. Abbiamo insistito per fare solo ciò che amiamo, lavorando solo con persone che ammiriamo e apprezziamo e, soprattutto, assaporando ogni momento del viaggio … riconoscendolo come la canzone della nostra vita.

Poi è arrivato il 2020 e il Covid-19 ci ha colpito tutti come uno schiaffo in faccia. I tour sono stati cancellati, i teatri hanno chiuso i battenti, gli aeroporti sono stati deserti, la paura e l’incertezza sono penetrate nei cuori di milioni di persone in tutto il mondo. Andammo tutti a casa e ci fu detto di restare a casa fino a nuovo avviso.

Allora … “cosa facciamo adesso?” ha chiesto il mondo.

“Dove porterà tutto questo?”, ci siamo chiesti.

Dopo alcune settimane ad annaspare e cercare di orientarci, Gil e io decidemmo che era giunto il momento di registrare quell’album jazz che abbiamo sentito dentro di noi per tutti quegli anni, chiudendo un cerchio da quel primo concerto all’ultimo prima che cadesse il cielo … (ironia della sorte, l’ultimo concerto è stato eseguito alla Berklee School of Music di Boston, dove Gil e Pat Metheny si erano conosciuti …)

Sono fortunata ad avere uno studio nel seminterrato di casa mia, uno spazio meraviglioso con pareti blu, strumenti colorati, pavimenti in legno e luce solare dal Giardino Inglese su entrambi i lati della control room. Sono anche fortunata che Gil, oltre a suonare, arrangiare ed essere generalmente brillante, abbia imparato da solo a lavorare in studio come un ingegnere professionista.

E così, attraverso un blocco dopo l’altro, lentamente e amorevolmente, tra le sessioni di zoom dei miei figli e i bollettini preoccupanti, di fronte alle forze tettoniche facendo a pezzi il mondo, attraverso ondate di politica e potere che ci precipitano tutti in un buco sconosciuto … abbiamo registrato.

Gil si è seduto vicino alla console, ha premuto il tasto e ha iniziato a suonare quella sua splendida Gibson L5. Mi sono seduta nell’altra stanza, a piedi nudi come sempre, in pantaloncini e maglietta, con il mio bellissimo vecchio microfono Neumann, e mi sono arresa alla musica.

Sapevamo quando non era abbastanza buono, sapevamo quando era fantastico. A volte suonavamo una canzone trenta volte. A volte tre. Qualunque cosa ci sia voluta, per portarla in quel luogo che non può essere descritto, solo sentito. Quel momento in cui il cielo si apre e non esiste nient’altro che musica e luce.

Shai Even e Gai Joffe sono entrati in scena più tardi, aiutandoci a montare e mixare. Due brillanti ingegneri del suono e amici da molti anni. Ronen Akerman, che ha scattato la copertina del nostro primo album quando avevo 21 anni e quasi tutti gli album che abbiamo realizzato da allora, ha scattato bellissime foto. Doron Edut ha progettato. Ofer Pesenzon ha presieduto tutto.

E “Afterallogy” è nato.

Spero che vi piacerà.

Nel frattempo… stiamo già programmando la prossima avventura … 🙂

Exit mobile version